lunedì, 22 Aprile , 24

Mobilità: costi e disponibilità vetture frenano lo sharing

60% pronto a rinunciare all’auto in città....

Direttiva nitrati, Confagri: positiva proposta Commissione Ue

Va incontro a obiettivo Ue riduzione ma...

TikTok, nuova procedura Ue: nel mirino TikTok Lite e Reward Program

Nuova funzionalità rischia sospensione, possibile violazione Dsa Roma,...

Strage Palermo, l’amica di Antonella: “Diceva che la coppia le metteva contro marito e figli”

Dall'Italia e dal MondoStrage Palermo, l’amica di Antonella: “Diceva che la coppia le metteva contro marito e figli”

(Adnkronos) – Antonella Salomone “era preoccupata” per l’arrivo di Massimo Carandente e Sabrina Fina, la coppia accusata della strage familiare di Altavilla Milicia insieme al marito della donna, Giovanni Barreca, e alla figlia di 17 anni. “Era preoccupata perché li avrebbe rivisti per la seconda volta”, ha detto Piera, la migliore amica della vittima, ai microfoni del programma di Ra1 ‘La Vita in Diretta’. “Antonella mi aveva chiesto di esserci, nel caso potevo anche dormire lì da loro perché il mio compagno era partito e sarebbe rientrato il 6 febbraio, quindi io sarei stata sola qui ad Altavilla”, ma “all’ultimo momento ho avuto un compleanno”, ha raccontato. 

Piera racconta che Antonella non si sentiva sicura con queste persone in casa: “Mi chiedeva un consiglio su questa coppia, diceva che le mettevano contro il marito e i figli”. Proprio con la figlia maggiore c’erano dei problemi, “non andava tanto d’accordo con i genitori di Antonella, con i nonni materni”. La presenza di demoni in casa? “Antonella – ha risposto – non me ne parlava assolutamente”, ma “mi parlava delle problematiche che c’erano in famiglia, di quelle economiche”, del marito “che non era tanto espansivo e che non faceva una vita sociale, quella che invece avrebbe voluto fare lei”.  

Negli ultimi mesi, Antonella si era anche rivolta a un’agenzia immobiliare: “Cercava casa per lei e per i figli”, perché lei e il marito “non avevano la patente e i ragazzi si muovevano a piedi o in bicicletta, quindi vivere lì”, nella villetta dove è avvenuta la strage, “non era molto sicuro. La nostra richiesta risale al 7 marzo 2023”, racconta a ‘La Vita in diretta’ l’agente immobiliare a cui si era rivolta la donna. Come mai non ha trovato casa? “Perché le garanzie reddituali non erano presenti”, ha spiegato. “Senza buste paga, per me è difficile poter proporre dei clienti”, ha detto. 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles