Rostan (IV): “Diagnosi oncologiche e biopsie dimezzate con il lockdown”

Lo ha detto la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera: “Garantire l’accesso ai farmaci innovativi”

“L’emergenza Covid-19 sta trascinando con sé diverse altre patologie altrettanto pericolose per chi ne è affetto. Dall’inizio della crisi gli screening oncologici, le diagnosi e le biopsie sono state dimezzate, si sono registrati ritardi negli interventi chirurgici e sono diminuite del 57% le visite dei pazienti oncologici”.

“I ritardi diagnostici hanno a loro volta comportato ritardi nell’accesso alle cure con conseguenze che facilmente si possono trarre. Finanche l’accesso ai benefici legati alla possibilità di cura con farmaci oncologici innovativi è stato fortemente limitato”.

A questo proposito, ho presentato un’interrogazione al ministro della Salute, Roberto Speranza (nella foto in basso), per sapere  se non ritenga necessario ed urgente provvedere a istituire un Fondo Unico per l’innovazione farmaceutica, superando il sistema duale previsto dalla normativa vigente”.

“Ho chiesto di adottare ogni iniziativa utile al fine di colmare i ritardi diagnostici e terapeutici maturati a causa dell’emergenza da Covid-19, garantendo un più ampio accesso a tutti i farmaci innovativi individuando misure che estendano la durata del termine di cui all’articolo 1, comma 403 della legge 11 dicembre 2016, n. 232, qualora non siano presenti alternative terapeutiche di efficacia superiore, al fine di garantire ai pazienti l’accesso ai farmaci per la cura di gravi patologie”.

Lo ha annunciato Michela Rostan (nella foto in alto), vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, firmataria dell’interrogazione parlamentare.

“In Italia non si muore di solo coronavirus – ha aggiunto Rostan – per questo ho rivolto un appello affinché tutte le regioni convochino tavoli tecnici per valutare l’impatto dell’emergenza coronavirus sulle altre patologie, adottando rimedi in tempi strettissimi”.

“A partire dalla verifica puntuale della separazione dei percorsi nelle strutture sanitarie  tra malati covid e tutti gli altri pazienti e dall’impiego delle tante strutture sotto utilizzate per recuperare nuovi posti letto covid senza sottrarli alle altre patologie. Se andiamo avanti così, rischiamo di combattere su un solo fronte perdendo altre mille guerre con un impatto devastante sul servizio sanitario nazionale”.

L’articolo Rostan (IV): “Diagnosi oncologiche e biopsie dimezzate con il lockdown” proviene da Notiziedi.

continua a leggere sul sito di riferimento

ARTICOLI RECENTI

E Sgarbi parla via Facebook: “Il silenzio elettorale? Una grande stronzata”

BOLOGNA – “Il silenzio elettorale è una grande stronzata”. Parola di Vittorio Sgarbi, parlamentare uscente e candidato del centrodestra nell’uninominale di Bologna per il...

In India tempesta perfetta su scuola e case famiglia ‘made in Bologna’

BOLOGNA – Travolti dal “disastro perfetto”. La pandemia prima, la guerra poi e ora inflazione e stangata sulle bollette si sono abbattute su scuole...

La rabbia degli iraniani in piazza a Bologna: “Non lasceremo morire i nostri fratelli”

BOLOGNA – Cantano a squarciagola “azadi azadi azadi”, cioè “libertà” in persiano. Urlano “donna vita libertà”, “abbasso il dittatore” e “freedom for Iran”. Sono...

Malattie reumatologiche, Patrizi (Omceo Roma): “Lavorare per migliore accesso cure”

ROMA – ‘Ridurre le diseguaglianze – uno sguardo verso le malattie reumatologiche’, questo il titolo del primo Tavolo tecnico – scientifico creato dal nuovo...

Dalla vagina più giovane al lifting del pene, ecco le novità della chirurgia estetica dei genitali

ROMA – Chi lo ha fatto, non lo dice e non lo dirà mai neanche sotto tortura. E chi vacilla e non riesce a...

ARTICOLI CORRELATI