Gianassi (Pd): “Usare fondi accantonati dai Comuni per il caro bollette”

FIRENZE – C’è il caro bollette, l’inflazione, la gestione del post Covid. Eppure, i Comuni non possono utilizzare le risorse accantonate nel fondo svalutazione crediti per aiutare i propri cittadini. Una stortura bella e buona, spiega all’agenzia Dire Federico Gianassi, assessore al Bilancio a Palazzo Vecchio e candidato del centrosinistra a Firenze nel collegio uninominale della Camera. Il punto, osserva, è alleggerire certi vincoli burocratici e normativi. “Alcune regole nazionali limitano la nostra azione e quella di altri Comuni. Ad esempio, norme pensate prima del Covid impongono di accantonare risorse per ragioni cautelative di spesa pubblica”. Così “in cassa abbiamo 60 milioni che potremmo spendere, ma non ci è consentito. In un momento emergenziale come questo, dove abbiamo vissuto prima il Covid, ora l’inflazione e il caro bollette, in cui peraltro si discute di un nuovo indebitamento, è assurdo non poter utilizzare risorse che già abbiamo. Se sarò eletto mi batterò per l’abolizione di questi vincoli”.

Alcune regole nazionali limitano la nostra azione e quella di altri Comuni

L’eccessiva burocrazia, inoltre, annichilisce anche la spinta sulle rinnovabili. “Tutti a dire che servono, che dobbiamo scommettere su questa strada, ma poi le regole bloccano cittadini, imprese e istituzioni. Occorre, quindi, una liberazione per gli impianti fotovoltaici. Lo dobbiamo fare subito e presto”.

Restando su Firenze c’è ‘la grana’ politica sullo sviluppo dell’aeroporto. Tema su cui in giornata si è scatenato anche il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, attaccando a testa bassa il sindaco Dario Nardella. “Le polemiche- commenta Gianassi- non mi interessano: noi siamo concentrati sul nostro progetto intorno al quale vedo un consenso forte e robusto. Vogliamo che Firenze sia la città più democratica d’Italia”. Detto questo, però, non manca di intervenire sul dibattito e sottolinea: “Le nostre storie e le nostre posizioni sono chiarissime, come sanno bene gli elettori. Siamo a favore della nuova pista, non è un caso che i promotori della riqualificazione di Firenze siano il sindaco Dario Nardella e il presidente della Regione, Eugenio Giani, entrambi del Pd”.

LEGGI ANCHE Renzi punge Nardella: “È per aeroporto. Bravo, allora voterai per noi…”

Su questo e altri fronti, conclude, “la nostra candidatura vuole portare concretezza in Parlamento. Abbiamo grandi valori, ma la politica deve saper agganciare a questi valori anche la concretezza del fare le cose. E questo è quello che ci portiamo dietro dall’esperienza del governo di Firenze”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Gianassi (Pd): “Usare fondi accantonati dai Comuni per il caro bollette” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

ARTICOLI RECENTI

Pnrr, Cuchel (commercialisti): “Pnrr sia occasione per riqualificare professioni in Italia”

De Bertoldi (FdI): “Flat tax incrementale e pace fiscale nella legge delega del governo di centrodestra” “Se l’Italia vuole sfruttare al massimo le risorse previste...

Cingolani: “Il gas c’è, il problema è il prezzo”. L’Ue studia nuovi interventi contro il caro bollette

ROMA – Dalla Russia non arriva più gas all’Italia, le bollette sono fuori controllo e l’inflazione galoppa. Uno scenario che lascia poco tranquilli gli...

Venti anni di FiabaDay, il presidente Trieste: “Prioritario migliorare l’accessibilità ai disabili”

ROMA – Una giornata simbolo per parlare di azioni quotidiane e continue che possono fare la differenza per la creazione di un mondo senza...

Ricci: “Renzi sogna la distruzione del Pd, ma ci rigenereremo dall’opposizione”

ROMA – “Sappiamo da tempo che Renzi sogna la distruzione del Pd, ma si sbaglia anche questa volta perché non glielo permetteremo”. Il coordinatore...

Forza Italia, messaggio a Meloni: “Ministri tecnici non siano la regola”. Martedì i nomi della Lega

ROMA – Fervono le trattative per la formazione del nuovo governo, che sarà – salvo clamorose sorprese – guidato da Giorgia Meloni. Dopo l’incontro...

ARTICOLI CORRELATI