venerdì, 1 Dicembre , 23

Terme Chianciano, a caccia del record mondiale di canottaggio indoor

Partenza dell’impresa sabato 2 dicembre ore 11 Roma,...

One Health Forum, sostenibilità e doppio binario imprese-istituzioni

Italia non può permettersi sistema istituzionale che...

Ai Musei San Salvatore in Lauro Esposizione Triennale di Arti Visive

Dall’1 al 15 dicembre Roma, 30 nov. (askanews)...

Meloni a Dubai con pediatri per bimbi Gaza. Venerdì e sabato a Cop28

Alla conferenza sul clima premier ribadirà impegno...

Gestione rischio, Cia a Masaf: contribuire al 70% per polizze

AttualitàGestione rischio, Cia a Masaf: contribuire al 70% per polizze

tanziare risorse a copertura delle assicurazioni per maltempo

Roma, 21 nov. (askanews) – E’ indispensabile sostenere la campagna assicurativa dell’anno corrente e di quelle pregresse, garantendo il contributo pieno del 70% sulle polizze agevolate. In una lettera al ministro ministero dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, Francesco Lollobrigida, Cia-Agricoltori Italiani sottolinea la propria preoccupazione per il mancato stanziamento delle risorse necessarie, che ha determinato una pesante riduzione dell’aliquota prevista.

Secondo Cia, la situazione sta fortemente pesando sulle aziende, che hanno subito nell’ultimo quinquennio progressivi incrementi dei premi assicurativi e un susseguirsi di gravi emergenze meteoclimatiche su vari fronti: dall’alluvione alla siccità, alle grandinate.

Con i cambiamenti climatici in atto “è, infatti, imprescindibile assicurare le produzioni agricole e il ricorso a strumenti assicurativi risulta, dunque, l’unica modalità per garantirsi da compromissioni del reddito aziendale causati da eventi avversi”, spiega la confederazione. Per Cia è vitale garantire il sostegno del 70% per il 2023 e le annate precedenti, perché senza questa agevolazione non riuscirebbero a fare fronte ai costi necessari alla gestione del rischio.

“Il mancato sostegno determinerebbe, infatti, un crollo della stipula delle polizze – conclude Cia – e una forte disaffezione verso questa misura, andando nella direzione opposta rispetto agli obiettivi del Piano Strategico della PAC, che prevedono l’ampliamento della base delle aziende assicurate e la diffusione di questi strumenti, soprattutto nelle aree del centro-sud”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles