Fmi ai governi, balzo record del debito ma non ritirare gli stimoli

AGI – Nel 2020 il debito pubblico a livello globale farà un balzo senza precedenti fino a quasi il 100% del Pil, ma i governi devono continuare a sostenere l’economia perché una cessazione prematura degli stimoli potrebbe innescare un’ondata di bancarotte fra le aziende con gravi ripercussioni sull’occupazione. E’ quanto si legge nel Fiscal Monitor del Fondo Monetario Internazionale in cui si spiega che “l’aumento del deficit e la forte contrazione economica sono i principali motori di questa crescita” del debito pubblico. “Il 2020 sarà un anno eccezionale e il debito pubblico dovrebbe stabilizzarsi a circa il 100% del Pil entro il 2025,

 » Continua a leggere sul sito di riferimento

L’articolo Fmi ai governi, balzo record del debito ma non ritirare gli stimoli proviene da Notiziedi.

continua a leggere sul sito di riferimento

ARTICOLI RECENTI

Ecuador, in Manabì la cucina è sviluppo e formazione

ROMA – La cucina come legame intimo e familiare e come connessione con una tradizione millenaria, che trova il suo punto di convergenza fisico...

Elezioni in Brasile, Lula e Bolsonaro vanno al ballottaggio

Di Joao Marcelo SAN PAOLO DEL BRASILE – In una giornata di votazioni tranquilla, senza incidenti di rilievo, milioni di brasiliani si sono recati ieri...

Le prime pagine dei quotidiani di Lunedì 3 Ottobre 2022

RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it L'articolo Le prime...

Pnrr, Cuchel (commercialisti): “Pnrr sia occasione per riqualificare professioni in Italia”

De Bertoldi (FdI): “Flat tax incrementale e pace fiscale nella legge delega del governo di centrodestra” “Se l’Italia vuole sfruttare al massimo le risorse previste...

Cingolani: “Il gas c’è, il problema è il prezzo”. L’Ue studia nuovi interventi contro il caro bollette

ROMA – Dalla Russia non arriva più gas all’Italia, le bollette sono fuori controllo e l’inflazione galoppa. Uno scenario che lascia poco tranquilli gli...

ARTICOLI CORRELATI