martedì, 27 Febbraio , 24

Incendi, Schifani: soddisfatto da ok Cdm a stato emergenza Sicilia

“Protezione civile nazionale ha rivisto la sua...

Da sabato 2 marzo Cinecittà World riapre con 5 novità

Il parco a tema della capitale torna...

Lagarde: su personale Bce tuteliamo anche diversità intellettuale

Risponde polemiche su propositi Elderson di eprurazioni...

Aceto balsamico tradizionale: 2023 record per la Dop, imbottigliamento +43%

Assemblea soci Consorzio vara piano di tutela...

Dengue, l’allarme si allarga: dopo il Brasile colpita anche Argentina

Dall'Italia e dal MondoDengue, l’allarme si allarga: dopo il Brasile colpita anche Argentina

(Adnkronos) – Non solo Brasile. L’allarme Dengue in Sudamerica si allarga all’Argentina e mette in allerta anche i Paesi vicini e gli Usa. In Argentina l’infezione trasmessa dalle zanzare è stata rilevata in oltre la metà delle province del Paese. Il ministero della Sanità ha parlato di 39.544 casi registrati e 29 decessi correlati. Circa 14 delle 24 province argentine hanno riferito una circolazione virale nel loro territorio: tutte le province delle regioni centrali e nord-orientali e 5 province nel nord-ovest del Paese, ha precisato il ministero.  

Secondo il Bollettino epidemiologico nazionale ministeriale, in Argentina all’inizio di febbraio sono stati registrati 36.765 casi di Dengue a trasmissione locale, 1.813 casi importanti e altri 966 su cui si sta indagando. Da fine agosto 2023 a inizio febbraio 2024, il tasso di trasmissione è stato di 86 casi ogni 100mila abitanti a livello nazionale. 

 

I casi di Dengue in Brasile, dove è in corso il Carnevale, hanno superato quota mezzo milione. Secondo gli ultimi dati diffusi dal ministero della Salute del Paese sudamericano, aggiornati al 12 febbraio, sono 512.353 i casi sospetti registrati nelle prime 6 settimane del 2024: quasi il quadruplo rispetto ai 128.842 dell’anno scorso. I morti per Dengue confermati da inizio anno sono stati 75 e sono in corso indagini su altri 350. Lo stato di Minas Gerais è il più colpito (circa 171mila casi sospetti), seguito da San Paolo (oltre 83.651), Distretto Federale (64.403), Paraná (55.532), Rio de Janeiro (39.315), Goiás (31.809), Espírito Santo (14.107) e Santa Catarina (12.470), riportano i media locali. Contro l’infezione trasmessa dalle zanzare il Brasile ha lanciato venerdì scorso una campagna di vaccinazione di massa che partirà dai bambini di 10-11 anni.  

 

Ma l’allarme Dengue desta preoccupazioni anche nel Vecchio Continente e in Italia, dove nel 2023 sono stati registrati 82 casi autoctoni di Dengue su 280 in totale. “Di sicuro una situazione così pesante in un’area tanto vasta, con gli interscambi internazionali ormai ripresi e una presenza di zanzare vettrici più ampia sul nostro territorio, anche in inverno, ci pone di fronte a un rischio di diffusione di questa patologia” che nel 202,3 ha già fatto registrare in Italia 82 casi autoctoni, su un totale di 280 spiega all’Adnkronos Salute il virologo dell’università Statale di Milano Fabrizio Pregliasco.  

L’esperto suggerisce un’attenzione mirata nella “disinfestazione degli aerei. Per quanto riguarda la malaria – ricorda – è successo che delle zanzare sopravvissute al volo abbiano dato origine a focolai intorno ad aeroporti. Questo rischio esiste anche per la Dengue”, avverte Pregliasco. “Se è vero che nella gran parte dei casi l’infezione colpisce in modo non pesante – sottolinea – nelle forme gravi, soprattutto nei soggetti fragili, arriva ad avere un rischio di evoluzione seria”.  

 

Per Matteo Bassetti è “importante fare due cose: chi si reca in Brasile e ha già avuto la Dengue proceda con la vaccinazione, perché in questo momento la malattia è fortemente endemica in tutto il Sud America. E poi serve informare chi rientra dal Brasile che, se ci sono sintomi compatibili con la Dengue, deve avvisare il proprio medico per fare il test: questo si può fare con avvisi o messaggi sul cellulare a chi sta viaggiando e rientra in Italia – anche attraverso le triangolazioni dei voli – così da intercettare i possibili casi. Perché in un Paese come il nostro, che già ha avuto casi endemici, ci potrebbero essere tanti altri contagi autoctoni”. Serve uno sforzo di prevenzione e comunicazione, ma mi pare che ci sia poca informazione anche sui media”, afferma all’Adnkronos Salute il direttore Malattie infettive dell’ospedale policlinico San Martino di Genova. 

 

C’è la necessità di prevenire eventuali casi d’importazione delle febbre Dengue, malattia virale trasmessa dalla puntura della zanzara Aedes? “Ora un cordone sanitario sarebbe difficile da organizzare perché non c’è un test come per il Covid – risponde Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali – ma serve un prelievo del sangue, quindi un po’ più complicato. Ora è importante che chi torna o parte per il Brasile o per altri Paesi dove la Dengue è endemica conosca i rischi e al rientro, se ci sono i sintomi della Dengue” – febbre (dai 2 ai 7 giorni), mal di testa acuto con dolore alle orbite degli occhi, forti dolori muscolari e alle giunture, nausea, vomito – “contatti il medico di famiglia che oggi deve essere sentinella del territorio, come accaduto con il MonkeyPox”.  

“Nel 2023 – ricorda Andreoni – ci sono stati in Italia oltre 360 casi di Dengue, di cui 82 autoctoni. La zanzara c’è anche da noi e quindi è chiaro che c’è preoccupazione per eventuali altri contagi d’importazione dal Brasile o Paesi limitrofi”, avverte l’infettivologo. “Esistono però due vaccini efficaci contro la Dengue: non è chiaramente il momento per raccomandarli a tutti, ma se c’è in programma un viaggio in Brasile si possono fare. Non è facile, però – conclude – trovare centri specializzati che li facciano, quindi occorre armarsi di pazienza”. 

 

“Il cambiamento climatico e i viaggi internazionali renderanno sempre più frequenti i focolai di infezioni” trasmesse dalle zanzare, tra cui la febbre di Dengue, “anche in zone prima non coinvolte”, evidenzia Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco di Milano. 

“Nel complesso tentativo di mitigare le conseguenze dei cambiamenti in atto” in un mondo sempre più globalizzato, la parola d’ordine è “prevenzione – raccomanda Gismondo – sia ambientale sia personale. Ambientale con la bonifica delle acque stagnanti, habitat ideale per l’infestazione di zanzare vettrici di queste infezioni; personale innanzitutto con l’uso di insettorepellenti se ci si reca in zone a rischio”. 

 

 

 

 

 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles