martedì, 27 Febbraio , 24

Incendi, Schifani: soddisfatto da ok Cdm a stato emergenza Sicilia

“Protezione civile nazionale ha rivisto la sua...

Da sabato 2 marzo Cinecittà World riapre con 5 novità

Il parco a tema della capitale torna...

Lagarde: su personale Bce tuteliamo anche diversità intellettuale

Risponde polemiche su propositi Elderson di eprurazioni...

Aceto balsamico tradizionale: 2023 record per la Dop, imbottigliamento +43%

Assemblea soci Consorzio vara piano di tutela...

Autonomia, Anci Calabria: Lep finanziati con fabbisogni standard

AttualitàAutonomia, Anci Calabria: Lep finanziati con fabbisogni standard

“Non con l’iniquo criterio della spesa storica”

Roma, 13 feb. (askanews) – L’autonomia differenziata “non potrà esistere senza le risorse necessarie e senza i Lep, da finanziare non con l’iniquo criterio della spesa storica, ma attraverso i fabbisogni standard”. E’ questa la posizione dell’Anci Calabria ribadita oggi al termine di un’iniziativa dei sindaci per ribadire le istanze dei Comuni calabresi rispetto al disegno di legge approvato dal Senato, su cui a breve si pronuncerà la Camera.

“L’Anci non ha una connotazione politica e rappresenta tutti i sindaci e tutte le amministrazioni dei 7.134 Comuni italiani” che vi aderiscono. Questa è la premessa del documento unitario, consegnato ai prefetti delle cinque province calabresi, con cui l’Anci Calabria ha chiesto al governo e al Parlamento che siano previste “risorse ingenti e, soprattutto, certe” in materia di “autonomia differenziata”, che – si legge nel testo, firmato dalla presidente, Rosaria Succurro, “non potrà esistere, fintanto che non verranno garantiti in modo uniforme su tutto il territorio nazionale i Livelli essenziali delle prestazioni: i Lep, che dovranno essere finanziati non più attraverso l’iniquo criterio della spesa storica, ma attraverso i fabbisogni standard”.

Nel documento, l’Anci Calabria sottolinea al governo e al Parlamento la necessità inderogabile di evitare “squilibri territoriali” e di “non aumentare la sperequazione tra Nord e Sud”, per cui – avverte la stessa associazione dei Comuni – “servono risorse ingenti e, soprattutto, certe”.

Inoltre, l’Anci Calabria “esprime preoccupazione perché il finanziamento di questa riforma, che richiederà una copertura di decine e decine di miliardi di euro, potrebbe andare a erodere alcuni capitoli della spesa pubblica già assai compulsati negli ultimi anni”.

“I sindaci calabresi vigileranno con estrema attenzione affinché i diritti sociali e civili siano garantiti a tutti i cittadini su tutto il territorio nazionale e affinché sia impedita la possibilità di fare intese, ai sensi dell’articolo 116 della Costituzione, senza il preventivo finanziamento integrale di tutti i Livelli essenziali delle prestazioni”, assicura l’Anci Calabria.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles